Angels of Venice: Awake inside a dream

0
Condividi:

Ver Sacrum La prima volta che sentii parlare degli Angels of Venice fu sul sito MP3.com, dove la loro interpretazione di “Nothing Else Matters” dei Metallica figurava tra i brani più scaricati della sezione “gothic”. L’ascolto di quel brano, arrangiato magnificamente con l’arpa in sostituzione della chitarra e accompagnato da un delicato sottofondo di tastiere, fu una vera folgorazione per me. Sono pertanto estremamente grato alla Accession Records per aver portato finalmente in Europa questo gruppo, artefice già di tre celebrati CD, uno dei quali uscito per la prestigiosa etichetta new-age Windham Hill. Questa edizione di Awake inside a dream è la ristampa del secondo album degli Angels of Venice, pubblicato inizialmente nel 1996: non contiene la summenzionata cover dei Metallica ma dieci brani altrettanto belli. Siamo nei territori della musica eterea più ricca, esotica e lussureggiante, contaminata con mille influenze, dalla musica rinascimentale a quella celtica, dalla musica popolare cinese alle melodie arabe. L’album è diviso in due parti, quella definita “Exotic” che si mostra più aperta agli echi e alle melodie del “vecchio mondo”, ricca com’è di arrangiamenti che mescolano mille strumenti provenienti da ogni parte del pianeta; segue la parte “Poetic”, dove le atmosfere si fanno più tranquille e intimiste, con ispirazioni colte dai traditionals anglosassoni, dalla raffinate melodie di Satie mentre in “China Moon”, come il titolo della canzone lascia immaginare, si materializzano gli echi della tradizione musicale cinese. Gli Angels of Venice sono Carol Tatum, polistrumentista eccezionale e leader del gruppo, Peggy Baldwin e Suzanne Teng accompagnate in questo CD da una schiera di eccellenti musicisti: tre angeli scesi in terra per regalarci attimi di beatitudine e bellezza. La rivelazione dell’anno per chi scrive.

Condividi:

Lascia un commento

*