Prodigy: Baby's got a temper

0
Condividi:

Che i Prodigy siano stati uno dei gruppi più importanti degli anni ’90 nessuno può negarlo: The fat of the land è un disco che ha fatto epoca, contribuendo ad avvicinare intere schiere di “rockettari” a generi musicali da loro odiatissimi come la techno e più in generale la dance music. È proprio grazie alla band inglese che un sacco di persone hanno scoperto quanto sia divertente andare a un concerto e ballare per tutto il tempo, senza doversi stare a preoccupare del pogo e delle spinte degli altri fans della band! C’era quindi una grande attesa per questo nuovo singolo, che però a mio parere delude un po’ le attese. Coloro che pensavano di trovare un brano al fulmicotone o un’altra “Breathe” dovranno ricredersi, perché “Baby’s got a temper” non è esattamente quanto di meglio il gruppo poteva fare, anche se ovviamente non si tratta di un brutto brano. Nel cd troviamo anche le versioni dub e strumentale del pezzo, che però aggiungono ben poco e in generale lasciano un po’ l’amaro in bocca, soprattutto a chi aspettava da tempo un ritorno alla grande di Keith Flint e compagni. Non resta che attendere l’album ora, sperando che sia fatto di ben altra pasta…

Condividi:

Lascia un commento

*