Wumpscut: Wreath of Barbs

0
Condividi:

Finalmente !! Dopo il mezzo passo falso rappresentato da “Evil young flesh”, Wumpscut torna alla grande con il nuovo eccellente “Wreath of barbs”. Fin dal primo ascolto e’ chiara la sensazione di avere tra le mani un ottimo cd che ci riporta ai fasti dei cd precedenti ( “Evil young flesh” escluso, appunto); 10 magnifici brani (11 se avete la versione limitata della prima tiratura, contenente la cover di “Eclipse” dei Kirlian Camera gia’ apparsa sul cd-tributo alla band emiliana) perfettamente omogenei tra di loro, senza battute a vuoto, in un sapiente alternarsi di momenti piu’ aggressivi (Opening the gates of hell, Deliverance, Christfuck) e altri piu’ “d’atmosfera” -atmosfere cupe, ovviamente- (Line of corpses, Dr. Thodt, Troops under fire). L’alternarsi dei brani, i cambi di ritmo e d’atmosfera vanno a costituire uno splendido lavoro d’insieme, un disco gia’ destinato a divenire un “classico” della discografia di Rudy Ratzinger. Bella anche la grafica, pur nella sua semplicita’ : booklet in cartoncino bianco, con una sorta di svastica dorata stilizzata in copertina e le consuete macabre foto all’interno. Inevitabile dire due parole sulle polemiche che hanno recentemente coinvolto Rudy Ratzinger in Germania, dove i soliti ineffabili giornalisti hanno definito la “black metal band ( ???? !!!!!) Wumpscut ” ispiratrice del delitto compiuto da due disgraziati , nella cui casa abbondavano dischi e merchandising di Wumpscut. Risultato : polemiche, accuse generiche e gratuite, Wumpscut e’ un nazi-satanista, la musica elettro-goth e’ ispiratrice di riti satanici …. e cosi’ via, in un clima d’ ignoranza e caccia alle streghe gia’ sperimentato anche dai Kirlian Camera. Per tutta risposta, Rudy R. ha “confezionato” il brano “Ruda” (che si trova sul singolo “Deliverance ” o sulla compilation “Septic 2” , un merchandising mirato e provocatorio e la “dedica” che chiude il booklet del cd……… alla faccia di certi giornalisti “Wreath of barbs” vendera’ qualche copia in piu’ anche grazie a loro.

Condividi:

Lascia un commento

*