Assemblage 23: Defiance

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo un disco bellissimo come “Failure”, credevo che non sarebbe stato semplice ripetersi per Tom Shear, alias Assemblage 23; invece, con (poco) stupore e (molto) entusiasmo accolgo il nuovo cd “Defiance”, capolavoro del genere “elettro”, forse addirittura superiore al suo predecessore. Non capita spesso di ascoltare dischi convincenti dalla prima all’ultima traccia; questo e’ uno di quei casi : 10 brani di elettronica di gran classe che, come sempre nella discografia di Assemblage 23, fanno convivere incalzanti ritmi dance con testi intelligenti. Difficile citare alcuni brani a discapito di altri, visto che come detto si tratta di un’ opera di altissimo livello dall’inizio alla fine ; un lavoro seriamente candidato al titolo di “miglior disco elettronico dell’anno”. Possiamo magari dividere i brani che compongono “Defiance” in alcuni gruppi : “Cocoon”, “Horizon” e “Lullaby” sono i tre brani piu’ melodici e malinconi del disco, qui il numero dei BPM cala decisamente (specie in “Lullaby”) per accentuare i toni malinconici ed il “mood” profondamente oscuro che si cela sempre nelle composizioni di Tom Shear, anche in quelle dai ritmi piu’ incalzanti. Tra queste, i brani candidati ad incendiare i dance-floor sono sicuramente lo splendido singolo “Document”, “Blindhammer”, “Light” e “Maps of reality”. Meno tirate ma pur sempre ballabili sono “Opened”, “Drive” e Fallen down” (forse le mie preferite, assieme a “Document”) Un disco bellissimo, non mi rimane che ribadirlo, un best-seller annunciato,che conferma Assemblage 23 sul podio della scena elettronica internazionale.

Condividi:

Lascia un commento

*