Crowhead: Frozen

0
Condividi:

Ver Sacrum Davvero una bella sorpresa questo debutto dei Crowhead, gruppo norvegese formato da musicisti che in passato hanno militato nella cult gothic band Shadow Dancers e nei Ragnarok (black metal). Come se non bastasse, all’album hanno partecipato in veste di ospiti ex membri di Apoptygma Berzerk e Icon of Coil, contribuendo così alla creazione di un lavoro molto fresco e interessante, vicino a certe produzioni gothic rock provenienti proprio dalla fredda nazione scandinava, caratterizzate da melodie scarne ma molto efficaci, semplici nella loro struttura ma estremamente accattivanti già dal primo ascolto. L’immediatezza è certamente il punto di forza delle canzoni di Frozen, ma devo anche dire che queste ultime sono state molto valorizzate da un’ottima produzione, capace di rendere il suono potente ma estremamente pulito. La presenza di Rico Darum e Ted Skogmann (ex Apoptygma) si fa notare durante l’intero corso dell’album visto che i due si sono occupati delle parti elettroniche, a mio parere utilissime per dare un tocco di modernità al sound dei Crowhead. A questo riguardo vorrei segnalare in particolare il remix del brano “My angel” (che apre l’album e viene poi riproposto in versione electro come ottava traccia), veramente molto bello e d’atmosfera, e “The soul is in the dark side pt. 1 & 2” (remix ad opera di S. Komor degli Icon of Coil): questi pezzi, per le loro caratteristiche, si distaccano completamente dalle canzoni precedenti, ma si adattano comunque molto bene al contesto generale del cd, tanto che ho trovato ottima l’idea di inserirveli. Un grande debutto quindi, e una nuova band da tenere d’occhio nel prossimo futuro!!

Condividi:

Lascia un commento

*