Front 242: Pulse

0
Condividi:

Ver Sacrum A dieci anni di distanza dagli album-gemelli “Up Evil” e “Off”, ritorna la leggendaria band belga, maestra e fonte d’ispirazione per decine e decine di band elettroniche sorte in questi anni. Se i Front 242 volevano distaccarsi dalla massa, con “Pulse” ci sono sicuramente riusciti; un disco che poco o nulla ha da spartire con l’EBM come l’intendiamo comunemente o con il “future-pop” tanto in voga e punta diritto verso nuove sperimentazioni e nuove frontiere, piu’ prossime (in alcuni passaggi) alla techno-trance……. Per quanto mi riguarda, però, sarà anche vero che la band belga sia sempre un passo avanti, ma dopo dieci anni di silenzio ritenevo lecito attendersi qualcosa di meglio; “Pulse” mi sembra un disco inutilmente prolisso, zeppo di brani strumentali senza capo né coda, pochissimi quelli cantati che mi sono piaciuti (per di piu’ il booklet indica 11 titoli, mentre il lettore cd ci segnala 20 tracce, difficile quindi raccapezzarsi e capire cosa si sta ascoltando), insomma per me questo disco rappresenta una delusione. Ero perfettamente conscio che i tempi di “Tyranny for you” ed “Up Evil” non sarebbero tornati (perchè già le prove fornite dal side-project Male or Female erano inquietanti..), sapevo che i “maestri” si erano “evoluti” e non ci avrebbero offerto un disco prevedibile e scontato, sarà anche giusto evolversi, ma……….. preferisco ricordarmeli com’erano una volta. R.I.P.

Condividi:

Lascia un commento

*