The Creatures: HÁI!

0
Condividi:

Ver Sacrum Tornano i Creatures di Siouxsie Sioux e Budgie con un CD incentrato pesantemente sulle percussioni: i suoni rimandano direttamente al loro album d’esordio Feast (risalente ormai a più di venti anni fa), ben diversi quindi da quelli delle prove successive, in particolare del penultimo Anima Animus, fortemente marcato da sonorità electro. D’altra parte la genesi di questo H&Acute;I!, come menzionato nel booklet che accompagna l’opera, è assai particolare: durante le date giapponesi del tour di riunione dei Banshees (tour che purtroppo non ha toccato il nostro paese) Budgie ha incontrato il percussionista giapponese Leonard Eto e ha registrato con lui in uno studio di Tokyo una session improvvisata, suonata con la sua batteria “occidentale” e con i tamburi tradizionali giapponesi chiamati Taiko. I nastri qui registrati hanno costituito l’ossatura di H&Acute;I!, a cui sono state aggiunte altre percussioni, un po’ di tastiere e le inconfondibili parti vocali di Siouxsie. Si tratta quindi di un album non immediato e facile quanto Anima Animus: è caratterizzato da una certa asciuttezza e rigore, forse proprio il risultato dell’influenza della cultura e dello spirito giapponese. Se si eccettua l’accattivante “Godzilla”, un pezzo molto “easy” anche nel testo, ma davvero carino (non a caso scelto come singolo), i brani di H&Acute;I! non sono di immediata fruizione. L’influenza della musica giapponese si fa sentire anche nelle parti vocali di “Further Nearer”, ma in generale il suo caratteri minimalistico ed elegante permea completamente il CD. Non un album per tutti i palati quindi ma a mio avviso molto interessante e di alta qualità. Vi segnalo che di H&Acute;I! esiste anche un’edizione limitata che contiene un DVD con la ripresa della session di registrazione tra Budgie e Leonard Eto a Tokyo.

Condividi:

Lascia un commento

*