Late.X: Promo 2003

0
Condividi:

Se l’intento dei bergamaschi Late.X (giunti col presente al terzo lavoro) è quello di rinnovare l’ormai lisa veste della quale il goth-rock da anni s’ammanta, certo che la lodevole intenzione trova in queste cinque tracce notevoli riscontri. Brani come “The grave” e “Vampires” (con tanto di inserto tratto da “Nosferatu”) accostano a ritmiche sostenute ed ad un chitarrismo vigoroso sferzate electro di grande efficacia, vieppiù evidenziate, nella seconda, da un growling intensissimo. In “Father” emerge la vena romantico/decadente che deve far parte del DNA di qualsisia goth-band che si rispetti, e seguire percorsi già tracciati da altri non va a detrimento del risultato finale. La presenza di Lucky Chiva degli oltraggiosi Jolly Power (il CD è stato registrato nel suo studio) si fa notare nell’irruenza travolgente di “G.R.M.F. 1982 (goth rock motherfucker)”, pezzo dall’incedere vizioso e ciondolante, mentre l’orchestrale ballad “Sometimes” è caratterizzata da interessantissimi inserti elettronici che la rendono assai fresca ed intrigante, oltre che dall’interprestazione superlativa del cantante, nonchè chitarrista, Eric Raven. Promuoviamo i Late.X a pieni voti, e rimaniamo in attesa di ulteriori prove. L’unica pecca che si può imputare infatti a questo dischetto, è la sua brevità!

TagsLate.X
Condividi:

Lascia un commento

*