Motus Tenebrae: Beyond

0
Condividi:

Autori di un mesto gothic-doom debitore in parti eguali di Anathema e Paradise Lost pre-ammorbidimento, i pisani Motus Tenebrae rilasciano questo interessante mini di cinque quattro pezzi più intro, ricco di spunti che testimoniano il valore tecnico compositivo dei componenti il combo e dotato di una più che buona qualità di registrazione. “Still life” è pezzo dall’incedere serrato che poi, rallentando nel suo seguito, smarrisce parte dell’immediatezza; la doomeggiante e cupa “Prisoners of light” è figlia legittima dei migliori Anathema, scrollandosi presto di dosso riferimenti ingombranti. “Secrets” è anch’essa caratterizzata da un dirompente incipit, indi beneficia di gradevoli inserimenti acustici. L’interpretazione del singer Luigi è davvero convincente, determinando la riuscita del brano, il più incisivo del dischetto intiero. Fa seguito un altro ottimo episodio, “Dead inside”, ancora una volta eseguita con grande enfasi dal gruppo, esibente una prova di grande coesione. Contatto consigliato.

Email: motustenebrae@hotmail.com
Condividi:

Lascia un commento

*