Mephisto Walz: Insidious

192
0
Condividi:

Ver Sacrum Il ritorno dei Mephisto Walz dopo tanti anni di silenzio è veramente cosa gradita, ancor di più visto che questo Insidious è davvero un lavoro di buon livello. I toni generali del CD sono morbidi e sensuali e seppur non mancano dei momenti affilati e tirati, in generale i Mephisto Walz del 2004 suonano meno corrosivi e ruvidi rispetto a quelli degli anni ’80 e dei primi anni ’90: Insidious è perciò più affine a opere più recenti del gruppo, come Thalia, sebbene rispetto a quest’ultimo la qualità media dei pezzi sia nettamente più alta. Come da diversi anni a questa parte i Mephisto Walz sono completamente nelle mani di Bari-Bari e Christianna, che occasionalmente nel CD si sono fatti accompagnare da alcuni collaboratori, tra cui David Glass, mitico batterista dei Christian Death. Forse una maggiore presenza di quest’ultimo avrebbe giovato al CD perché se un appunto devo trovarlo a Insidious si tratta della parte ritmica, basata principalmente su drum machine, che rimane un po’ troppo piatta e monotona. La qualità complessiva dei dieci brani qui presenti è davvero buona: si alternano episodi più marcatamente gothic-rock (la doppietta iniziale di “A magic back” e “Our Flesh”, l’acida “I Want”) a momenti più calmi e languidi (“One less day”, che ricorda addirittura i Cocteau Twins, “Watching From The Darkest Places”, “Nightingale”) a irruenti aperture in territori pop-indie (“Witches gold”). L’album nonostante queste sue anime suona in realtà molto solido e compatto e non dovrebbe deludere una vasta parte del pubblico oscuro, in particolare coloro che ultimamente vanno pazzi per le nuove band death-rock (e che farebbero bene ad ascoltare i Mephisto Walz invece che – per fare un nome a caso – i Bloody Dead & Sexy…). L’album è chiuso “Ombra mai fu”, un episodio quanto mai inusuale, essendo basato su un’aria operistica, suggestivo ma forse un po’ inutile. Cosa dire di più? Niente, andate e ascoltate! E non dimenticate che il gruppo sta per venire nel nostro paese per alcune date. Non perdeteveli!

Condividi:

Lascia un commento

*