Siderartica: Shapes and colours from the land of God

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo l’esordio di un paio di anni fa (l’ottimo “Night Parade”), ecco il nuovo lavoro per i Siderartica di Elena Fossi. Diciamo subito che “Shapes and colours from the land of God” è un ottimo disco, stilisticamente affine al suo predecessore, opera quindi in cui convivono brani elettronici piu’ “sperimentali” con altri dove invece prevalgono soluzioni piu’ “melodiche”. I due brani “Shapes from the land of God” e “Colours from the land of God” (quest’ultima interpretata da Carlo Dainelli) sono ben rappresentativi delle due anime del disco, anche se i pezzi migliori, secondo me, sono “Circle of the angels”, “Lucky’s village oversight” e “Antland”, tre brani veramente ottimi, esempi di elettronica raffinata in cui il gusto e la passione per un sound prettamente “Wave” tipico dei primi anni ’80, convive con soluzioni piu’ moderne e ricercate; su tutto svetta comunque la bella voce di Elena Fossi, che è anche autrice di quasi tutti i brani dell’album. Disco dalle atmosfere oniriche e notturne, con testi mai banali, “Shapes….” è un’opera di tutto rispetto, che non mancherà di conquistare gli ascoltatori piu’ attenti; il disco è disponibile anche in una versione limitata che include un secondo cd “Toys and robots from the land of God”; su questo secondo cd troviamo remix di alcuni brani del cd1, nonchè due nuove versioni di “Night Parade” e “Arkangel’sk”. Sicuramente uno dei migliori dischi dell’anno; chi aveva già apprezzato “Night Parade” si avvicini senza esitazioni e questo disco; chi ancora non conosce i Siderartica…. faccia altrettanto!

Condividi:

Lascia un commento

*