Chirleison: A Whisper

0
Condividi:

Ver Sacrum Vi ricordate degli Essences, un interessante gruppo sardo che nel 1997 fece uscire Nebulae, un ottimo CD di musica ethereal? Ebbene, è con grande piacere e sorpresa che li ritroviamo, dopo parecchi anni, sotto nuove spoglie, con un nuovo nome, Chirleison appunto, e una nuova casa discografica, l’ottima Fossil Dungeon, per presentarci A Whisper, un lavoro di notevole fattura e qualità, che ben continua il cammino precedentemente intrapreso da questo gruppo. Il CD si apre con “Medea”, una splendida e dolcissima ninnananna che ben ci introduce nelle soavi melodie di questo lavoro, caratterizzato da sonorità romantiche e raffinate, evocative e suggestive, in cui chitarra acustica, tastiere e a volte anche il flauto si fondono in maniera mirabile e accompagnano la “heavenly voice” di Alessia Cicala. I brani sono cantati in francese, inglese ed anche in italiano, come “Medea” appunto, e come l’ affascinante “Canzone per Anceo” o “I doni”, appassionante brano il cui testo è tratto dal poeta Villiers de l’Isle-Adam, dal vago sapore medievaleggiante, che per certi versi può ricordare i più famosi Ataraxia. Ma la musica dei Chirleison ha senz’altro una sua precisa fisionomia, una sua impronta autonoma ed originale che spazia tra musica eterea, elegante ed emozionale e sfumature vagamente neofolk, cosa che ne fa un gruppo davvero interessante e prezioso nel panorama italiano. Basta che ascoltiate il particolarissimo strumentale “Autrefois”, dalle atmosfere che un po’ richiamano le musiche di Morricone, per rendervene conto. Accogliamo pertanto con favore questo CD e speriamo che i Chirleison non ci facciano più aspettare tanto per poter godere della loro splendida musica.

Condividi:

Lascia un commento

*