Lacrimosa: Lichtgestalt

0
Condividi:

Ver Sacrum Non incrociavo la mia strada con i Lacrimosa da diversi anni, in pratica dall’album “Elodia” e mi ero quindi “perso” i successivi “Fassade” ed “Echoes”. Per colpa/merito del nostro direttore Christian Dex, mi imbatto ora nel nono album della discografia di mr. Tilo Wolff e mi pare che il tempo si sia fermato….. la solita musica pomposa e ridondante, uno stile decisamente “barocco” (altro che gotico) come consuetudine in casa Lacrimosa, brani assai lunghi dove si cerca di coniugare il rock con la musica classica. Se ai tempi di album come “Satura” ed “Inferno”, questa formula mi aveva anche coinvolto (per alcuni anni i Lacrimosa mi sono decisamente piaciuti), ora è con grande fatica che ascolto questo disco (anche perchè si tratta di una copia promozionale con un fastidiosissimo “biip” che con cadenza regolare si sovrappone alla musica); nel corso degli anni, direi da “Elodia” ad oggi, lo stile si è fatto ancor piu’ ampolloso e ridondante, una struttura musicale decisamente pesante, che non riesce minimamente a coinvolgermi ed anzi mi annoia terribilmente. Visto che la formula di Tilo Wolff è rimasta invariata, gli ammiratori dei Lacrimosa non dovrebbero restare delusi da questo disco, per gli altri invece, meglio mantenersi a distanza di sicurezza.

Condividi:

Lascia un commento

*