Tvmvlvs Seraphim: Fortress ermetica

0
Condividi:

Ver Sacrum Avevo molto apprezzato l’album di debutto dei Tvmvlvs Seraphim (uscito nel 2002 e intitolato Centenarians’ divine lvnacy), ma devo dire che con Fortress ermetica il gruppo è senz’altro riuscito a superarsi. Si tratta infatti di un lavoro ispirato ed efficace, che propone musica a metà strada tra il dark-ambient e l’industrial più sulfureo e apocalittico. Basta ascoltare pezzi come “The burnt-out spa” o “Decay of the hierophant” (contraddistinti da atmosfere claustrofobiche e opprimenti, ma anche da elementi noise e da sonorità distorte e sferraglianti) per rendersi conto che questo è il classico disco che piacerà a tutti coloro che hanno sempre amato il materiale Cold Meat. È però molto probabile (come viene fatto osservare nella presentazione che la Beyond Productions ha allegato al promo) che anche i fan dei Der Blutharsch possano trovarlo interessante, difatti al suo interno compaiono inserti campionati/rielaborati che vanno a costituire parti piuttosto significative di alcuni dei brani (vedi ad esempio il dialogo presente in “Europe before the rain” o le vocals “operistiche” incluse nella titletrack…). Inutile dire che se non appartenete ad una delle due categorie di ascoltatori a cui ho appena fatto riferimento Fortress ermetica vi risulterà un po’ difficile da digerire, e i suoi cinquantacinque minuti di durata vi sembreranno un’eternità, ma se così non fosse allora potete andare a colpo sicuro, perché il cd è caratterizzato da un sound davvero vario ed ognuna delle sue componenti è stata curata con grande scrupolosità. Sentendolo mi è sembrato anche di cogliere una vena malinconica, e visto che si tratta di una cosa assai rara per una produzione di questo tipo direi che essa merita di essere apprezzata in maniera particolare! Un gradito ritorno insomma, che evidenzia le ottime capacità di questo progetto italiano capace di competere con i “mostri sacri” della scena industrial nordeuropea…

Web: http://www.beyondprod.com/
Email: tvmvlvseraphim@hotmail.com
Condividi:

Lascia un commento

*