Psychophile: Vodka Milk

0
Condividi:

Ver Sacrum Il mio primo pensiero, alla vista del cd in questione, è stato “Christian Dex mi ha tirato un pacco!”. Il disco infatti si presenta subito male, dal titolo di quest’improbabile cocktail, alla grafica che ritrae i due componenti degli Psychophile, ovvero due tipici cybergoth inglesi che sembrano pronti per una serata allo Slimelight a base di cyber-techno il piu’ “truzza” possibile. Una volta inserito nel lettore invece, il cd stupisce in positivo (almeno dalla traccia numero due, visto che l’iniziale “All in the mind” sembrava confermare le mie piu’ pessimistiche previsioni), per una musica che miscela elettro e gothic, con una decisa preponderanza di quest’ultimo genere, con in evidenza la bella voce di Lucy Pointyat su melodie alquanto oscure e decadenti. Mi ritrovo insomma al cospetto di brani ben diversi da ciò che l’aspetto di Lucy e del suo compare Smogo (mahh…) mi avrebbero fatto pensare; niente di trascendentale per carità, ma un disco che si lascia ascoltare ed a cui si può sicuramente concedere la chance di un ascolto…. in giro c’è anche di peggio.

Condividi:

Lascia un commento

*