Aa. Vv.: Septic vol.6

0
Condividi:

Ver Sacrum La Dependent celebra la sua pubblicazione numero 100 con il sesto capitolo delle sue compilation. Solitamente non dedico molta attenzione alla miriade di raccolte che affollano il mercato elettro-EBM, ma per le “Septic” vale la pena di fare un’eccezione, perchè questo capitolo, come i suoi predecessori, si mantiene su un alto livello qualitativo, segnalandoci tanto artisti già affermati quanto newcomer di assoluto interesse, spaziando nelle varie sfaccettature del panorama elettronico, tra artisti nel roster dell’etichetta tedesca e non. Ad aprire il cd ecco Dismantled (sempre piu’ “Nine Inch Nails oriented”), con un brano che funge da apripista al suo imminente nuovo album; è quindi la volta di Pride and Fall (con un remix di “Border”, nettamente il miglior brano del loro nuovo album) e Fractured che ci offrono invece un pezzo inedito. I Covenant non fanno piu’ parte del roster della Dependent, ma i rapporti con la label sono evidentemente rimasti ottimi ed eccoli quindi con un remix esclusivo di “The men”, uno dei brani piu’ belli contenuti nel capolavoro “Skyshaper”; sorvolo su Stromkern, gruppo che non apprezzo affatto e mi butto a capofitto su Mind.In.A.Box (nuovo remix per “Lament for lost dreams”) e sopratutto su “Scorch the ground”, brano nuovo di zecca dei Seabound, anch’essi al lavoro sul nuovo album. E’ ora la volta di sonorità meno immediate, per nomi nuovi quali Encephalon e Schwefelgelb, mentre i successivi brani di Klangstabil e Juno Reactor ci mostrano il lato piu’ sperimentale di questo sampler. Si torna su sonorità piu’ convenzionali con i polacchi Controlled Collapse (il loro “padrino” risponde al nome di Johan Van Roy, a buon intenditor…) e la loro harsch-elettro, quindi è la volta dei mostri sacri Insekt, con un brano inedito; pregevole anche l’inedito dei Flesh Field e gran finale con gli Edge of Dawn che ci offrono un nuovo remix di “Elegance”. Questo sesto volume conferma le “Septic” tra le migliori raccolte-elettro disponibili sul mercato, unendo quantità e qualità e riuscendo nell’intento di soddisfare diversi palati.

Condividi:

Lascia un commento

*