Davantage: Split and Shatter

0
Condividi:

Ver Sacrum Lasciatisi in maniera poco amichevole con Kay Hartel, che dà ora vita al progetto Supreme Court, Mario Fritzsche e René Müller proseguono l’esperienza Davantage coadiuvati da Beam, ex Feindflug, come vocalist. In passato ho avuto modo di esprimere piu’ volte i miei elogi a questa band tedesca autrice di pregevoli dischi (su tutti l’ottimo “Global badlands”) contraddistinti da un elettro-dark piuttosto originale nel contesto della scuderia Black Rain/Noitekk e quindi attendevo con curiosità questa nuova release lungamente rinviata. Purtroppo devo dire che “Split and Shatter” costituisce una piccola delusione: pur restando fedele alle sonorità dei Davantage (ed essendo quindi dotato di passaggi strumentali e linee melodiche interessanti), l’album è costituito in massima parte da brani privi di mordente e incapaci di lasciare il segno come le varie “Crazy grey warning”, “Split And Shatter”, “Last kick off”, ecc… con la sole “Unbelehrbar” e “Rupalheads” capaci di spezzare la mediocrità; un altro punto a sfavore viene segnato dalla voce di Beam, decisamente perdente nell’inevitabile confronto con quella di Kay. “Split and Shatter” sembra quindi un’occasione sprecata, come il compito di uno studente che ha capacità, ma “non si applica”. Da rilevare che la prima tiratura del disco, include un secondo cd, l’EP “Conference”: sette tracce che non vanno a modificare il livello ed il mio giudizo su questo album; un prodotto “debole” che non mi pare possa funzionare per rilanciare il nome dei Davantage (tra le altre cose sono stati pure “scaricati” dalla Black Rain e ripartono oggi con questa piccola etichetta che non so quanto supporto saprà dargli). L’orizzonte per i Davantage mi pare tutt’altro che roseo.

Condividi:

Lascia un commento

*