Falling You: Human

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo l’interessante Touch del 2005 torna John Michael Zorko con la sua creatura Falling You. Si tratta di un progetto piuttosto interessante in cui il “mastermind” John si circonda di vocalist femminili per impostare con loro un rapporto totalmente paritario: lui quindi compone la musica e lascia carta bianca alle cantanti per le melodie vocali e i testi. Le collaboratrici che sceglie sono poi di altissimo livello: basti citare Dru Allen (This Ascension) o Suzanne Perry (Love Spirals Downwards), due delle 5 cantanti qui presenti, per rendersi conto della qualità della partnership che si è venuta a creare per questo Human. Musicalmente si tratta di un lavoro piuttosto valido, in cui due sono le linee fondamentali che si possono riconoscere: delle sonorità elettroniche molto tenui, caratterizzate da ritmiche oniriche di stampo trip-hop, o episodi più classicheggianti, con il piano e il violoncello in primo piano. Naturalmente la verve della cantante di turno fa la differenza tra un brano e l’altro, sebbene il livello medio sia sempre alto. L’apice si raggiunge con la performance virtuosistica di Aimee Page in “Tribe” che è senz’altro l’episodio più riuscito del disco. Human è quindi un lavoro molto elegante e piacevole che dovrebbe essere apprezzato dagli appassionati della musica eterea. Non è comunque esente da qualche difetto: intanto c’è un eccesso di omogeneità nella musica, cosa in qualche modo attenuata dalla varietà di cantanti che si sono alternate in questo lavoro (e che quindi ha portato molta freschezza al CD). Talvolta poi Human più che raffinato suona “fighetto”, con le sue linee melodiche molto smussate e i suoi arrangiamenti patinati. Questo impedisce alle canzoni qui presenti, tranne la già citata “Tribe”, di emozionare fino in fondo. Se Falling You fosse un progetto meno cerebrale e diventasse più viscerale potrebbe davvero stupirci in futuro con un capolavoro. Per ora si limita ad essere una piacevolissima esperienza d’ascolto: non è poco ma le potenzialità per fare altro ci sono.

Condividi:

Lascia un commento

*