GOJ/H2S: Split

0
Condividi:

Ver Sacrum Davvero niente male questo split cd-r ad opera di GOJ e H2S, due band dedite a sonorità “di confine”, intriganti e mai banali, che si rivolgono sì ad un pubblico di nicchia, ma che tutto sommato non possono essere considerate né estreme né inaccessibili. Il primo dei due progetti (che esiste dal 1999) ha già all’attivo la pubblicazione di alcuni cd autoprodotti e stavolta ci propone alcune track in bilico tra ambient ed elettronica sperimentale, che colpiscono nel segno fin dalle prime note grazie ad atmosfere cupe/catacombali e al senso di straniamento che generano in chi le ascolta. L’unica eccezione è il brano”Lotta vs Sonia”, decisamente influenzato dal rhythmic noise e quindi piuttosto diverso dagli altri, ma non per questo meno gradevole o interessante… In linea generale direi che quello di cui stiamo parlando è il tipo di musica ideale per rilassarsi e pensare con calma, magari mentre si è alla guida oppure quando si è in casa, comodamente sdraiati su un bel divano. Per ciò che invece riguarda H2S, va detto che si tratta del project di Fabio Degiorgi, bassista dei dark-wavers Vidi Aquam nonché ex chitarrista e/o bassista di diversi (e ormai disciolti) gruppi punk e post-punk. Anch’egli ha all’attivo la realizzazione di diversi cd-r ed in questo caso ci propone quattro nuovi pezzi registrati tra il luglio 2005 e il febbraio 2006, che in quanto a efficacia e validità tengono tranquillamente testa ai precedenti. Il Degiorgi ama mescolare cose vecchie e nuove, riuscendo sempre a presentare un prodotto adatto a vari tipi di “palati musicali”, difatti il suo mix tra new wave, elettronica, industrial vecchio stile e avanguardismo ha tutte le carte in regola per essere considerato appetibile da coloro che non danno troppo importanza alle etichette, ma guardano più che altro alla sostanza… Molto rappresentativa di quanto ho appena detto è la suggestiva “Fragmentation”, una song influenzata dalla wave più “integralista”, dal noise e dall’elettronica minimale, un vero gioiellino che potrà essere apprezzato sia da chi guarda alle sonorità del passato, sia da chi predilige le band con un approccio moderno e attuale. Ribadisco quindi quanto affermato all’inizio della recensione: questa è proprio una bella release, ed è senz’altro tra le migliori produzioni italiane che ho avuto modo di sentire nel corso del 2006…

Per informazioni: h2s_973@hotmail.it
Web: http://www.myspace.com/h2sit/
Email: parzo@libero.it
Condividi:

Lascia un commento

*