Assemblage 23: Meta

0
Condividi:

Ver Sacrum Signori, giu’ il cappello davanti al nuovo capolavoro firmato Assemblage 23. “Meta” (quinto album del progetto di Tom Shear e che giunge quasi tre anni dopo il precedente “Storm”)si rileva un disco ottimo, senza alcun passo falso nelle dieci tracce in cui si articola; un vero gioiello elettro-pop, forgiato nel consueto stile di Assemblage 23: brani melodici ma non sdolcinati, ritmati ma non aggressivi, alternanza di brani piu’ “dance” (ma con linee melodiche sempre in bella evidenza) con altri piu’ prossimi al formato “ballad” e testi come sempre intensi, per pezzi che oltre che a smuovere le gambe, puntano (sopratutto) al cuore ed al cervello. Oltre alle già note “Binary” (scelta come singolo ad anticiapre l’album) e “Decades” (apparsa in versione leggermente diversa sul sampler “Accession volume 3” pubblicato qualche mese fa), abbiamo una raffica di altri ottimi brani: da “Ghosts” a “Sorry”, da “Damaged” a “Madman’s Dream”… impossibile fare scelte ed indicare brani preferibili ad altri: “Meta” è un disco di livello assoluto, una dimostrazione di classe e stile, lontana (grazie a Dio) anni luce dalle pacchianate e dal trash su cui puntano altri decantati progetti elettro che qualcuno vorrebbe portare ad esempio; Assemblage 23 continua a non sbagliare un colpo e “Meta” è un sicuro candidato per il titolo di miglior elettro-album del 2007!

Condividi:

Lascia un commento

*