The Stompcrash: I will kill myself

0
Condividi:

Ver Sacrum The Stompcrash sono quattro ragazzi di Milano che si stanno da tempo mettendo in luce grazie sopratutto ad una intensissima attività “live” e che affidano al cd autoprodotto “I will kill myself” il compito di diffondere la loro musica. Il disco si articola in 9 tracce, con 3 brani originali dei nostri e 6 cover di gruppi che ovviamente hanno influenzato il loro sound: The Cure, Clan of Xymox, Ikon, Joy Division e Depeche Mode; avete quindi capito che The Stompcrash si rifanno alla migliore tradizione gothic-rock e dark-wave degli anni ’80. Tali punti di riferimento vengono discretamente sviluppati nei tre brani originali (“Wake up in a grave”, per cui è prevista la realizzazione di un videoclip diretto da Diego Merletto dei Frozen Autumn, “Like a noise” e la title-track) che si sviluppano su trame ariose e coinvolgenti e sono a mio avviso la parte migliore del disco, mentre le cover ci offrono cose discrete (“Strange days” e “Decades” sopratutto) ed altre meno riuscite (“In your room”). Non conosco la cronologia dei brani, ma mi pare che i brani originali dimostrino una maggiore perizia da parte degli Stompcrash (decisamente migliore l’interpretazione vocale di Dany ad esempio), come se fossero piu’ recenti. Un promettente cd che funge da introduzione ad un 2007 che si prospetta pieno di impegni e (mi auguro) soddisfazioni per The Stompcrash, visto che per Ottobre è prevista la pubblicazione del loro album d’esordio per Nomadism Records e, per la stessa etichetta, la partecipazione ai sampler “United Forces of Phoenix vol.2” (Maggio 2007) e “The Nomadism vol.2 – A tribute to Fields of the Nephilim” (Dicembre 2007).

Condividi:

Lascia un commento

*