Jesus On Extasy: Holy beauty

191
0
Condividi:

Ver Sacrum Dei Jesus On Extasy mi hanno colpito diverse cose, non tutte positive a dire il vero, ma comunque degne di nota. Cominciamo dall’immagine del quartetto, composto da due gran figaccioni e da un paio di signorine anche loro molto attraenti: guardando la foto promozionale si ha l’impressione che siano i classici personaggi che hanno studiato il loro look nei minimi particolari e non hanno lasciato nulla al caso, cosa che peraltro ho sempre considerato un merito (a meno che, ovviamente, una band reputi tale aspetto più importante della musica proposta!!). C’è poi da prendere in considerazione il tipo di sound a cui i quattro sono dediti, un electro/gothic/rock che fa pensare a tutte quelle formazioni che, in anni recenti, hanno tentato di andare oltre la contaminazione tra le sonorità più oscure e/o sintetiche e i ritmi incalzanti del metal, aggiungendo un tocco “glamour” al tutto e cercando di confezionare un prodotto dal forte appeal commerciale (vedi Dope Stars Inc, che tra l’altro sono pure amici dei JOE!). Fin qui di cose negative non ne ho menzionate, ma di certo il fatto che il promo cd arrivato in redazione contenga solo un “assaggio” (equivalente a tre brani…) di ciò che è incluso in Holy beauty non ci ha entusiasmato, anche perché è difficile giudicare un disco ascoltando soltanto tre canzoni (che poi in realtà sono due, visto che una di esse è un remix ad opera dei KMFDM!). Detto questo, devo ammettere che la (poca) musica che ho avuto modo di sentire non mi è per nulla dispiaciuta e che i Jesus On Extasy, oltre alla sopraccitata band romana, mi hanno ricordato addirittura alcune cose di Icon Of Coil, di conseguenza ho l’impressione che potrebbe davvero valer la pena andare alla scoperta di questo album. Peccato però non poterne avere la certezza assoluta…

Condividi:

Lascia un commento

*