Menticide: N.M.E.

0
Condividi:

Ver Sacrum Menticide è un duo composto da Christiaan Riemslag e Johan Van Damm, qui al loro atto d’esordio con “N.M.E”, disco che lancia un assalto sonoro senza compromessi, all’insegna dell’ebm old-school (Spetsnaz ed Orange Sector i primi nomi che si potrebbero accostare a Menticide) arricchendo però la classica formula con altre componenti (strutture musicali piu’ articolate che non si limitano al solito battito reiterato) che rendono a mio avviso questo lavoro più fresco ed appetibile rispetto, ad esempio, ai dischi delle due bands sopra citate. “N.M.E” (che sta per “enemy”) si apre appunto con “Enemy” (qui proposta in una breve versione “intro” e che ritroveremo nella sua forma integrale in chiusura di cd), un pezzo dove l’ebm incontra la techno e mi fa pensare a dei Front 242 particolarmente arrabbiati; la successiva “Search and destroy” è uno dei cavalli di battaglia del disco, un vero e proprio martello. Stessa furia (anzi, di piu’) si avverte in “Wrong”, ascoltando la quale non ho potuto non pensare ai Killing Joke, vista l’interpretazione vocale di Johann, assai simile a quella di Jazz Coleman (versione ultimi due album). “Getting away” fa calare drasticamente i bpm e disegna atmosfere oscure (tonalità ancora piu’ plumbee verranno tratteggiate in “Interim”, brano con testo in francese); è solo un break per poi ripartire lancia in resta con le varie “Painkiller”, “Backstabber”, “Komm zu mir” (qui è lo spettro dei DAF che emerge) e “Rise”. Interessante disco che va oltre il mero revival delle sonorità “ebm old school”.

Condividi:

Lascia un commento

*