The Deep Eynde: Bad blood

0
Condividi:

Sono ormai anni che è in atto il revival del rock ‘n’ roll più sanguigno e genuino, tornato in auge sia in ambito alternative che nella scena musicale mainstream, ciononostante l’interesse nei confronti di queste sonorità non accenna a diminuire, non solo da parte del pubblico ma anche delle band che continuano a proporle. In Italia abbiamo diverse formazioni che si sono cimentate nella materia, ma il primato spetta (come sempre, del resto…) a nazioni come gli Stati Uniti, l’Inghilterra e i paesi scandinavi, dai quali provengono gruppi di tutto rispetto che hanno raggiunto notevoli livelli di notorietà. I californiani Deep Eynde, ad esempio, sembrano avere il rock nel loro DNA, ed in effetti quando nasci da quelle parti può andarti o malissimo (e quindi fin da piccolo ti può capitare di essere tartassato con l’hip-hop o con certa “robaccia” commerciale…) o benissimo, nel caso in cui i tuoi genitori o i tuoi amici ti facciano il lavaggio del cervello a suon di Ramones, Bad Religion, Misfits, Black Flag ecc. ecc. Ai nostri è andata bene ovviamente, difatti il loro nuovo lavoro contiene una manciata di canzoni orecchiabili e dirette, ma anche “ruvide” al punto giusto, che convincono fin dal primo ascolto e soprattutto divertono, cosa oserei dire irrinunciabile quando si ha a che fare con questo genere di musica. In poche parole Bad blood è un concentrato di energia che piacerà molto ai fan di punk e hardcore, ma che ha le caratteristiche giuste per essere apprezzato pure dai glam-rockers, solitamente attratti da tutto ciò che riesce a dare una forte scarica di adrenalina e che fa venir voglia di fare casino. Inutile citare i titoli dei pezzi migliori perché il livello qualitativo del cd rimane costante dall’inizio alla fine, per cui (come sempre avviene in questi casi) concludo con l’augurio di poter vedere al più presto la band nel nostro paese, visto che sa rendersi protagonista di show incendiari e coinvolgenti. In particolare credo che sarebbe perfetta come spalla dei Turbonegro, e in quel caso sì che il divertimento sarebbe assicurato!!

Condividi:

Lascia un commento

*