Mind.In.A.Box.: Crossroads

0
Condividi:

Ver Sacrum Abbiamo già avuto modo di dire che l’imminente chiusura della Dependent sia una iattura per gli amanti della miglior musica elettronica, e buona parte delle uscite che l’etichetta tedesca ci sta offrendo in questi mesi lo dimostra. Dopo gli eccellenti album di Edge of Dawn e Rotersand, ecco infatti una nuova gemma, ovvero Crossroads, terzo album degli austriaci Mind.In.A.Box, disco che ribadisce l’ assoluta genialità ed originalità di questo progetto, doti già sciorinate nei due precedenti album e qui, se possibile, amplificate. Ancora una volta il gruppo austriaco non si limita a comporre canzoni, ma porta l’ascoltatore nel proprio mondo, all’interno di una storia (racchiusa in un booklet di ben 24 pagine!), opera dello scrittore austriaco di science-fiction Andreas Gruber. La perfetta interazione tra musica e testi porta alla creazione di un disco superbo che riparte da dove era finito Dreamweb, parlandoci di paura e solitudine attraverso musica che sfugge le definizioni e le categorie, passando da pezzi piu’ ballabili come “Stalkers” (già inclusa sul sampler Septic vol.7), “Amnesia”, “What used to be”, “Redefined” ed “Identity” ad altri maggiormente atmosferici come “Fear” e “The Place”. Il risultato è un autentico capolavoro che si candida per un posto sul podio delle migliori elettro-release del 2007!

Condividi:

Lascia un commento

*