Fin de Siècle: Nine barns

0
Condividi:

Ver Sacrum I Fin de Siècle sono un gruppo la cui essenza continua a sfuggirmi, pur essendo alla terza recensione di un CD di lunga durata più un paio di EP: si tratta di un progetto in continua evoluzione, che tenta di miscelare influenze differenti, raggiungendo risultati talvolta interessanti, talaltra meno. Se ho ben interpretato le note allegate, questo lavoro (che è la prima pubblicazione della O.P.N. in vinile) rappresenta una sorta di canto del cigno per i transalpini ed è l’anello di congiunzione tra il CD Sans titre (del 2003) e Patagonie, loro ultima uscita discografica (risalente, se non erro, al 2005), che non mi aveva colpito troppo favorevolmente, alternando momenti alquanto interessanti ad altri che rischiavano di diventare piuttosto noiosi. Il materiale contenuto in questo nuovo lavoro è stato composto tra il 2003 e il 2004 a mio parere è qualitativamente superiore al suo successore, soprattutto per la maggiore coesione. Risulta sempre difficile riuscire a descrivere esaurientemente la musica del gruppo d’oltralpe: di certo non si tratta di una proposta facile da approcciare in quanto i suoni sono sempre ridotti al minimo; in alcuni casi, al centro dell’attenzione è uno strumento acustico come il pianoforte o il violino, suonati in modo tutt’altro che melodico, intorno al quale viene creato il brano, attraverso inserti di diverso tipo. In altri casi la portante è data da una voce recitante, magari filtrata ed elaborata. Tranne che in pochi tratti, le influenze post rock che in Patagonie mi avevano lasciato perplesso non sono ancora così presenti, lasciando spazio ad una proposta più personale. Si tratta di un disco che deve essere ascoltato con attenzione e concentrazione, in quanto l’ascolto superficiale potrebbe far emergere solo le componenti rumoristiche, andando così a limitare la percezione della qualità complessiva di Nine barns, che non è un capolavoro, non mi ha lasciato a bocca aperta ma, in fondo, non mi è dispiaciuto.

Condividi:

Lascia un commento

*