Teatro Satanico: Dissertazioni catodiche di teologia applicata su nastro magnetico

0
Condividi:

Ver Sacrum Che il Teatro Satanico sia un gruppo di culto lo vado a ripetere da molto tempo (e certo non c’è bisogno del mio riconoscimento). Si può così permettere di pubblicare, in quest’epoca digitale, una videocassetta limitata a sole 99 copie. Queste Dissertazioni catodiche… si aprono con l’inequivocabile scritta che avverte della presenza di “esplicite scene antireligiose”. In realtà i 5 video che seguono non sono mai così estremi come un tale annuncio può far pensare, e casomai si distinguono per una produzione talmente “low fi” da sembrare talvolta “casareccia”. Questo è il limite principale dei video perché gli spunti che ci sono, musicali e tematici in primis, sono interessanti. La parte sonora privilegia la ripetizione ossessiva di loop, distorsioni e voci filtrate, il tutto fatto per indurre sensazioni tra la trance allucinata e l’oppressione claustrofobica. Dei 5 video presentati due sono a mio avviso piuttosto efficaci, ovvero “Diodiodio” in cui la scritta “dio” si rincorre sullo scherno mentre una voce distorta ripete questa stessa parola più e più volte di seguito, fino a trasformarla in “odio”. Molto disturbante è poi “Uomo Donna Dio” (canzone già presente nel CD registrato insieme a Muzakiller) che inizialmente sembra invece un video un po’ grottesco. In esso c’è una figura, mai inquadrata in viso, che muove le bambole di Barbie e Ken nude mentre una voce in sottofondo, ampiamente filtrata, simula un dialogo tra le due figure. Ken sembra dire “Tu mi dai sesso, tu vuoi amore.” mentre Barbie risponde “Tu mi dai amore perché tu vuoi sesso”: a questo punto la voce, probabilmente interpretando Dio, afferma “Vi uccido tutti” mentre la figura inquadrata comincia a staccare le teste delle bambole. Interessante è poi l’idea espressa in “Cristo e Anticristo” in cui una voce femminile ampiamente filtrata afferma “Il Cristo era un uomo. L’Anticristo è una donna”. Poco interessanti sono invece per i miei gusti gli altri due video, ovvero “Contro il monoteismo” e in particolare “Il teologo” che, essendo dedicato a Joseph Ratzinger, mi incuriosiva molto e che invece non ho capito assolutamente (e che mi ha anche un po’ annoiato). Dissertazioni catodiche… dà quasi l’idea di essere una raccolta di video girati negli anni ’80, agli albori della video-arte, sia per una certa ingenuità visiva che per l’uso un po’ goffo degli effetti. Le carenze dei video penalizzano anziché arricchire gli aspetti musicali dei pezzi rappresentati: il risultato è perciò un’opera che mi sento di raccomandare solo e soltanto ai fan sfegatati del progetto. A tutti gli altri consiglio invece il nuovo CD La tempesta di cui parlo qui di seguito.

Condividi:

Lascia un commento

*