Through Your Silence: Whispers to the void

0
Condividi:

Ver Sacrum La commistione tra il melodic death di matrice svedese e le sonorità metal/hardcore ultimamente assai a la page negli States trova un ulteriore discepolo nei milanesi Through Your Silence, autori con Whispers to the void di un interessante concentrato di forza e melodia. La title-track, opportunamente posta in principio di disco, si dispiega fra riff classici, cambi di tempo e ritmiche spezzacollo, col cantato di Massimo Raineri (ehm, stavo per digitare Ranieri…) a vomitare la sua rabbia sul malcapitato ascoltatore. Che WttV sia lavoro tosto viene confermato dalla successiva “Desire”, episodio ove il tumultuante assunto chitarristico (Marco Tafuri e Fabio Curci alle asce) non lascia certo spazio a requie. Quando poi la batteria si scatena (Fabio Vignati, al basso troviamo Andrea Caruso), provo una certa, disorientante sensazione di pericolo incombente, come se qualcosa stesse per piombarmi letteralmente addosso! La produzione di Ettore Rigotti (Disarmonia Mundi) permette di evidenziare al meglio gli intricati passaggi dei quali i nostri sono autori, e “The groom”, tra ferali rallentamenti ed accelerazioni che concedono ben poche vie di fuga, esplica al meglio le intenzioni del terzetto, nato nel 2002 e già autore del mini “Winter came” (2005): uno squarcio acustico, con tanto di female-ethereal voice, vi trarrà subito in inganno, perché le porte dell’Ade sono già state spalancate. La fantasia non manca ai Through Your Silence, l’atmosferica porzione finale di “War children”, dall’epico flavour celtico/misticheggiante, conferma la sana attitudine alla sperimentazione e l’apertura mentale del combo, pronto con “Failure” a ribadire le sue intenzioni. Ho la sensazione che il sottobosco alterna italiano stia generando ottimi prospetti, il futuro si annunzia piuttosto interessante, “Winter came” e “My blood” rafforzano le mie convinzioni… Dovrei a questo punto lodare la grafica del booklet, ma trattandosi di una produzione MKM, sapete già che Francesco non considera questo un aspetto secondario delle sue creature! Buy!

Condividi:

Lascia un commento

*