Cephalgy: Herzschlag

0
Condividi:

Ver Sacrum Imbarazzante. Con questo commento si potrebbe già chiudere la recensione di un album che si candida al titolo di “peggior disco del 2008” (ma la concorrenza non manca, basti pensare che contemporaneamente a questo, la Out of Line mette sul mercato le ultime nefandezze a firma Amduscia ed Agonoize, per tacere dell’album d’esordio di Miss Construction, uscito mesi fa e mio personale favorito alla vittoria in questa classifica). Herzschlag è già il terzo album dei Cephalgy (altra cosa su cui riflettere.. se questi sciagurati sono giunti al terzo album e l’Out of Line continua a dargli fiducia, vuol dire che un minimo di mercato ce l’hanno) ed il trio teutonico non si riesce a sollevare dalla mediocrità che li ha contraddistinti sin dal primo Engel sterben nie (forse il meno peggio dei tre): elettro-dark di imbarazzante bruttezza, canzoni fatte con lo stampino, brutti arrangiamenti, pessima voce, testi su cui è meglio sorvolare (e per fortuna il fatto di essere in tedesco li renderà incomprensibili ai piu’, al di fuori dei patrii confini). Si dice spesso che certa musica può piacere solo ai tedeschi, ebbene, io mi chiedo come anche il piu’ becero fan teutonico possa arrivare a tanto!

Condividi:

Lascia un commento

*