Midnight Resistance: Remote

0
Condividi:

Ver Sacrum Album d’esordio per Midnight Resistance (progetto di Nicolay Frank, già membro dei ReActivate) Remote è un delizioso disco di elettro-pop che alterna momenti maggiormente “freddi” e malinconici (l’immagine in copertina è a mio avviso perfetta per descrivere questo mood) ed episodi piu’ frizzanti e ballabili. Le iniziali “Edge of time” e “Recall these days” sono ottimi esempi delle due anime di questo disco, le cui sonorità rimandano a bands come Iris (“Second skin” sembra uscire da un disco della band texana) e Mesh. Le dodici tracce incluse in Remote passano dalle atmosfere intimiste di “House of cards” o della strumentale title-track, alle irresistibili melodie di “A tear in every moment”, “Wide awake” e “Scars from falling down” (per tacere delle già citate ed ottime “Recall these days” e “Second skin”); il risultato è un disco che incarna alla perfezione lo spirito del synth-pop: melodia, voce calda e pulita, ritmo e malinconia sapientemente bilanciati. Disco imperdibile per chi apprezza il lato piu’ melodico e romantico dell’elettronica.

Condividi:

Lascia un commento

*