Syn- / E.5131: Manolo On Juliet

0
Condividi:

Ver Sacrum L’improbabile titolo Manolo On Juliet è il frutto della collaborazione tra il musicista Syn-, che si occupa di tutti gli arrangiamenti, e lo scrittore E.5131, che fornisce i testi di quest’opera intrigante. Il disco è da considerarsi come un’opera unica, senza distinzione tra le una traccia e l’altra, che terminano e si intersecano una dentro l’altra. Durante tutta la prima parte dell’album più e più volte il nome al quale mi è venuto spontaneo associare quest’album è Einstürzende Neubauten, vuoi per il recitato palesemente Blixa Bargerld, vuoi per certe soluzioni sonore adottate, siamo abbastanza vicini alle ultime uscite del gruppo teutonico, anche se con una maggiore propensione a suoni elettronici. Man mano che si avanza con l’ascolto il disco prende una piega differente, scivolando verso un folk abbastanza free e non privo di spunti interessanti, per poi riapprodare, nella parte finale, verso territori più elettronici, questa volta più vicini all’ambient. Syn- dimostra di avere personalità e buon gusto, e il disco è piuttosto riuscito e variegato destreggiandosi tra le chitarre acustiche di “La Belle Effarouchée”, gli scampoli pop di “Dégoulineuse Épinante”, lo psych-folk di “On Tous Qui”. Pecca un po’ di prolissità, e tutto insieme il disco può risultare sfiancante, ma resta un prodotto più che valido.

Condividi:

Lascia un commento

*