IAMX

0
Condividi:
IAMX

IAMX a Milano Foto di Candyman

Le belle sorprese sono sempre gradite ed in questa categoria rientra il concerto tenuto da IAMX al Magnolia di Milano. Avevo apprezzato molto The Alternative, secondo album del progetto di Chris Corner (ex Sneaker Pimps), uscito nel 2006 e da me colpevolmente scoperto con un certo ritardo; mi sono quindi recato al concerto mosso da curiosità ed ottimismo ma anche con alcune incognite, la principale delle quali riguardava la risposta del pubblico, visto che il nome di IAMX non è certo uno di quelli maggiormente sulla bocca dell’audience “elettro/dark”. Le mie valutazioni erano (fortunatamente) errate, visto che il pubblico accorso si è rivelato in prevalenza composto da gente del giro “indie”, presso cui IAMX è invece a quanto pare ben noto, vista la passione ed il coinvolgimento con cui il concerto è stato seguito: canzoni cantate a squarciagola, balli, un entusiasmo che ben raramente trovo a concerti del giro “elettro/dark”, in cui prevale la ben nota fauna interessata solo a ballare e che dei concerti se ne frega. Chiusa la nota polemica, facciamo ora un passo indietro: è la mia prima volta al Magnolia, locale in zona Idroscalo, piccolo ma carino e dotato di una tensostruttura all’aperto da sfruttare per i concerti: si tratta di uno spazio non molto grande, che potrà contenere poco più di un centinaio di persone e che stasera risulta quasi al completo, creando così un feeling ottimale, un contesto intimo e di gran calore.

Verso le 22.30 inizia l’esibizione dei Babylonia, band milanese che presenta alcuni pezzi del loro imminente secondo disco; il loro sound risente chiaramente dell’influenza dei Depeche Mode, sviluppandola in maniera personale e decisamente “pop” ero rimasto piuttosto tiepido nei loro confronti sia dopo l’ascolto del loro primo disco, sia dopo averli visti dal vivo in un altro locale di Milano ed anche oggi non riesco ad entusiasmarmi per le loro canzoni, ma è innegabile che buona parte del pubblico è qui per loro, visto che nel corso degli anni sono riusciti a crearsi un loro seguito.

Il concerto dei Babylonia dura poco più di mezz’ora ed alle 23.30 è finalmente il momento di IAMX; Chris Corner è accompagnato da altri tre elementi: Janine Gezang alle tastiere/chitarra/cori, Dean Rosenzweig alla chitarra e Tom Marsh alla batteria. Tutti sfoggiano un pittoresco look glam (Chris è truccato come siamo abituati a vederlo nelle foto promozionali e nei videoclip; nel corso del concerto sfoggerà diversi cappelli, indossa una giacca tip frac, è a torso nudo, con pantaloni attillati e stivali a punta, neri con inserti rossi), ma ciò che all’apparenza potrebbe erroneamente far pensare ad un gruppo tutto apparenza e poca sostanza viene invece spazzato via da un’esibizione magistrale; il quartetto inglese è una macchina perfetta che sprigiona un’energia ed una potenza a cui non si può resistere: le canzoni, già valide su disco, acquisiscono ancora più potenza eseguite dal vivo, risultando (in alcuni casi) ancora più convincenti.

Il concerto parte in maniera bruciante con “Bring me back a dog”, seguita da quasi tutti i brani di The Alternative (tra i momenti più coinvolgenti voglio ricordare la title-track, “Spit it out”, “Nightlife” e, la romantica “This will make you love again”), qualche pezzo del primo album Kiss+Swallow e delle anticipazioni dal prossimo Kingdom of welcome addiction (tra queste l’ottima “Think of England”, che ha aperto la serie dei bis, chiusa da “President”).

La musica è una fantastica ed originale miscela di rock, pop ed elettronica eseguita in maniera impeccabile dai quattro artisti sul palco: la voce di Chris è ottima, come su disco e gli strumentisti fanno la loro parte alla grande, sprigionando energia ed adrenalina in perfetta sinergia con un pubblico che tributa loro il meritato trionfo. Un concerto magnifico, che non esito ad inserire tra i migliori visti nel corso degli ultimi tre anni; non posso che consigliare a tutti quelli che non lo conoscono, di avvicinarsi alla musica di IAMX, progetto validissimo a cui auguro tutto il successo che merita.

IAMX

IAMX a Milano Foto di Candyman

Links:

IAMX: sito ufficiale

IAMX @ MySpace

Babylonia: sito ufficiale

Babylonia @ MySpace

Condividi:

Lascia un commento

*