Eldar: Sapere Aude

0
Condividi:

Ver Sacrum Le strade dell’ambient oscura sono veramente numerose: per rendersene conto, potrebbe essere sufficiente ascoltare tre CD da me recensiti questo mese, ossia quello di Aethere, quello di New Risen Throne e questo che sto ascoltando in questo momento. Molto probabilmente, un ascoltatore non avvezzo a certe sonorità li troverebbe molto simili tra loro (e, ne sono certo, tutti irrimediabilmente noiosi, malgrado i primi due siano a mio giudizio di ottimo livello) ma, al contrario, le differenze ci sono e sono importanti: il primo predilige una musica molto stratificata, piena e intensa; il secondo ha un approccio più glaciale, minimale e distaccato; gli spagnoli Eldar, invece, privilegiano una modalità differente che tende maggiormente verso le atmosfere neofolk marziali, caratterizzate da numerosissimi campionamenti e lente cadenze che si sovrappongono agli immancabili drone che sono caratteristica fondamentale del genere. In quest’opera, che costituisce l’esordio su CD dopo diverse produzioni su net label o CD-R, gli Eldar decidono di collaborare con numerosi altri progetti, alcuni ben noti (Der Blaue Reiter) altri decisamente più sconosciuti, se non erro tutti provenienti da aree di lingua spagnola o catalana: ne risulta un CD alquanto variegato e poco uniforme che, però, raramente (per non dire quasi mai) riesce a colpire veramente nel segno. Nel complesso sembra un impasto un po’ forzato, che non riesce né a destare le oscure sensazioni e le recondite paure tipiche dei musicisti dark ambient, né a coinvolgere con ritmi marziali o sonorità pompose. Per quanto mi riguarda, lo consiglierei ai completisti del genere o dell’etichetta.

TagsEldar
Condividi:

Lascia un commento

*