Future Trail: Breaking new ground

0
Condividi:

Ver Sacrum A ben cinque anni di distanza dal precedente Big sky horizon, nuovo album per Future Trail, band formata da Melanie Guentzschel (voce e testi), Renè Mueller (membro dei DavaNtage) e Gunnar Bock. Breaking new ground è un discreto album: nelle sue dodici tracce possiamo apprezzare un elettro-sound che passa da momenti piu’ marcatamente ebm/industrial ad altri piu’ prossimi alla trance-ambient. La voce di Melanie (in passato già presente in alcuni brani dei DavaNtage e piu’ recentemente apparsa sull’album The Grey Line di Wynardtage) è il tratto saliente di questo disco, visto che non è frequente imbattersi in progetti elettronici con voce femminile e ben si combina ad esempio con quella di Dirk Steyer degli Accessory in “Panic” (uno dei potenziali hits di questo disco) e con quella di Dirk Ivens (Dive, Sonar) nella piu’ sperimentale “Landslide”: due brani che ben rappresentano le due anime di un disco tutto sommato apprezzabile e godibile e che trova in “Patience”, “One time focussed”, “Never farewell”, “Far beyond” e “Players” altri validi episodi (tracklist chiusa dalla cover di “Satellite”, vecchio pezzo dei Depeche Mode).

Condividi:

Lascia un commento

*