Ättestupa: Begraven Mot Norr

0
Condividi:

Secondo album per i nordici Ättestupa. Notevolissimo il passo in avanti rispetto al pur buono esordio, i due si imbarcano in una disquisizione sulle processioni funebri della Svezia rurale di qualche secolo fa. Per esplorare a fondo il l’argomento, Dan e Viktor creano due brani da poco meno di venti minuti l’uno nel quale fanno convivere, su una base dronata e noiseggiante, schizzi di black metal (più come sensazione strisciante che come espliciti passaggi, questa volta), passaggi prog e folk, violini e tastiere. C’è anche una batteria, o forse sono dei pezzi di metallo percossi, ma il suono è talmente sporco che sul momento quasi non ci si fa caso, per non parlare delle voci, registrate in modo da intrecciarsi per bene nel tessuto sonoro fino a diventarne parte integrante. Di idee in questi 35 minuti ce ne sono in abbondanza, e se avete voglia di farvi seppellire su al nord, questo è il disco da far suonare alla vostra cerimonia funebre.

Condividi:

Lascia un commento

*