Razorfade: This Clear Shining

0
Condividi:

Sul finire degli anni’90 i Suspiria godettero di buona fama all’interno del panorama “gothic” e realizzarono un paio di album discreti (certamente i meno peggio del mediocre catalogo Nightbreed) su cui svettava l’hit “Allegedly, Dancefloor Tragedy” a lungo tormentone anche nelle discoteche italiane. A più di dieci anni di distanza, Razorfade è il nuovo progetto dell’ex Suspiria Mark Tansley (coadiuvato da Clifford Ennis) e This Clear Shining è l’album con cui i due debuttano su Alfa Matrix. Le tredici tracce dell’album mettono in palese evidenza il background elettro-goth dei Suspiria; emblematico il trittico iniziale (“The Razorfades”, “Chemical Distraction” e “Shout down”), pezzi caratterizzati da vocals decisamente “goth”, mentre la musica è imperniata su synth, drum-machine ed echi di chitarra elettrica. Si tratta di brani indubbiamente catchy, melodici, ballabili ed immediati a cui si alternano pezzi in cui il numero dei BPM scende (“Fear is rising”, “The razor fades”, “A push away from the falling”); il tutto fa di This Clear Shining un disco carino e godibile (a mio avviso tre o quattro brani in meno avrebbero però giovato alla resa del prodotto, forse un pò troppo prolisso nella sua attuale struttura),  ideale punto d’incontro tra il future-pop ed il gothic. Una ricetta certamente non nuova, visto che tutto sommato la stessa formula era stata abbozzata a suo tempo dagli stessi Suspiria; ad ogni modo, per chi apprezza l’elettro-goth il disco è sicuramente da prendere in considerazione.

Condividi:

Lascia un commento

*