Hocico: Tiempos de Furia

0
Condividi:

A due anni di distanza da Memorias Atras, gli Hocico tornano a saziare l’appetito dei loro innumerevoli fans con Tiempos de Furia, album che conferma il duo messicano come massima realtà della scena harsh-elettro. Nel corso degli anni, Erk e Racso hanno messo a punto uno stile personale, migliorando disco dopo disco (con l’eccezione di Wrack and Ruin, per chi scrive il momento meno riuscito della loro discografia) e miglior testimonianza della loro rilevanza all’interno del panorama “harsh-elettro” (di cui sono tra i precursori) sono le  innumerevoli bands che hanno cercato di imitare il loro sound, con risultati ad onor del vero spesso assai modesti. Se la cosidetta scena “harsh-elettro” è infatti ormai da tempo in piena involuzione, lo stesso non si può dire della musica degli Hocico, che pur non proponendo nemmeno oggi particolari novità in fase di songwriting, e continuando a muoversi su consolidati binari sia per quanto riguarda sound e testi (al solito duri e diretti), si staccano nettamente dalla massa del carrozzone “harsh” per qualità dei brani, arrangiamenti e produzione. Il nuovo disco ci offre tredici pezzi, con diversi potenziali hits, dall’iniziale “I want to go to hell” a “Flesh to lacerate”, da “Twist the thorn” a “Lost fate” (i due pezzi che preferisco), da “Bite me” a “Dog eat dog”, singolo che ha anticipato la pubblicazione dell’album. Attraverso episodi dall’alto numero di BPM e momenti in cui prevalgono le oscure trame apocalittiche, il duo messicano continua ad essere cantore di storie all’insegna della disperazione e della violenza che caratterizza il nostro tempo, attraverso una formula consolidata, sviluppata con maestria e talento superiore, nonostante l’originalità da tempo non faccia più parte delle loro doti. Il secondo dischetto della “limited edition”, denominato A Call for Destruction  include altre quattro tracce: decisamente ottime le inedite “The Disguise” e la title-track: due pezzi che non avrebbero certo sfigurato nella tracklist dell’album vero e proprio. A completare il quadro, due remix di “Bite me!” e “Twist the thorn” ad opera rispettivamente di Feindflug e Formalin, giovane duo berlinese appena messo sotto contratto da Out of Line e che sarà in tour con gli Hocico come gruppo di supporto. Per gli estimatori del duo messicano, Tiempos de Furia è un acquisto imprescindibile ed a colpo sicuro!

TagsHocico
Condividi:

Lascia un commento

*