Camerata Mediolanense: MDXXX

0
Condividi:

A placare (almeno in parte) la fame dei propri fans per una nuova release, ecco MDXXX, live-album della Camerata Mediolanense. Il disco arriva a quattro anni da Πankpation, cd retrospettivo realizzato dall’argentina Twilight ed a ben undici anni da Madrigali, ultimo studio-album della formazione milanese; il disco (digipack limitato a 1.000 copie in pregevolissima veste grafica curata da Aimaproject) è edito da Creative Fields ed include tredici tracce (oltre ad una hidden-track che troverete dopo alcuni secondi di silenzio in coda alla tredicedima traccia), due delle quali inedite su supporto discografico, le per altro ottime “Sed” e “Guillotine”, tratte da due concerti: le prime otto sono state registrate nel corso di uno show tenuto a Landgraf (Olanda) il 10 agosto 2002, mentre le rimanenti provengono dal concerto del Wave Gotik Treffen di Lipsia del 2 Giugno 2001. Si tratta di due ottime registrazioni che trasmettono tutta l’intensità e l’epicità di un concerto della Camerata; il rullare dei tamburi e le interpretazioni vocali di Daniela Bedeski e Trevor sono al loro top in brani come “Salve, Mundi Domine, Caesar Noster, Ave”, “L’Homme Armè”, “Fuoco”, “Il Lupo”, “La demolizione delle idee”, ecc…; una carrellata di eccellenti brani della Camerata che si chiude con “Il Trionfo di Bacco ed Arianna”, uno dei loro cavalli di battaglia e classico suggello dei loro concerti MDXXX è la preziosa testimonianza del valore di questa band, da tanti anni motivo di vanto per la “scena” italiana ed ancor più apprezzata all’estero. Un disco bellissimo, impedibile per fans vecchi e nuovi della Camerata, che però fa anche aumentare il rammarico per esibizioni sin troppo rare e per un nuovo album che pare tutt’ora una chimera.

Condividi:

Lascia un commento

*