MZ. 412 dal vivo a Londra al festival della Cold Spring

4
Condividi:

Per festeggiare il ventunesimo anno di attività la label inglese ha organizzato un eccezionale evento che si terrà il prossimo 5 marzo presso il The Garage di Highbury Corner (Londra). Nel corso della serata si esibiranno gli MZ. 412 (da poco entrati a far parte del roster dell’etichetta, che sta ristampando i vecchi cd della seminale industrial band svedese e si appresta a pubblicare, nel corso del 2011, quello nuovo…) con Sleep Research Facility, Iron Fist Of The Sun a altri gruppi ancora da confermare.

 

Condividi:

4 comments

  1. Darkroom 25 dicembre, 2010 at 21:38

    Visto che si fa un gran parlare di determinati gruppi ma poi nessuno si interessa di farli suonare nei locali nostrani ( vedi il tour che partira’ a marzo con Ordo Rosarius Equilibrio, In Slaughter Natives e Raison d’Etre…Petterson dice che nessuno gli ha ancora proposto nulla…ma sarebbe una serata molto molto interessante…), privilegiando serate con dj….almeno in questa occasione, e’ davvero cosi’ impossibile far arrivare in Italia eventi come questi?

  2. Giorgio (Candyman) 27 dicembre, 2010 at 09:40

    Impossibile no di certo, molto costoso sì (così almeno mi ha detto un noto promoter nazionale “stuzzicato” dallo stesso signor ORE sul portare questo “pacchetto” in Italia). Dal canto mio, sono convinto che una o due date di questo festival darebbero anche un bel respondo di pubblico, ma tant’è…. forse i flop degli ultimi anni hanno (giustamente) tolto la voglia ai promoter di smenarci soldi.

  3. Erik 29 dicembre, 2010 at 14:20

    bisognerebbe integrare questi “pacchetti” con noti gruppi locali in grado di richiamare mobilitare un bel numero di persone.
    il gruppo straniero di per se spesso non funziona, soprattutto se pochissimo noti come i suddetti.

  4. Giorgio (Candyman) 29 dicembre, 2010 at 15:37

    A scanso di equivoci, il mio commento era riferito al “pacchetto” ORE, Spiritual Front, In Slaughter Natives,ecc…
    Sul fatto che una o due date di questi gruppi farebbero il pienone anche in Italia, non credo vi siano dubbi.

Lascia un commento

*