Ouroboros: Ouroboros

0
Condividi:

Tra i tanti progetti del prolifico Marco Grosso, Ouroboros è quello che preferisco. Questo nuovo dischetto in digipack ristampa tre singoli fuori catalogo con l’aggiunta di due nuove tracce. Il materiale come sempre è dark ambient dalla forte componente esoterica, con qualche riferimento anche a certo suono tedesco più spaziale, soprattutto nel primo trittico. Si tratta di musica di ottima fattura, mai banale o scontata, capace di tessere trame pesanti ma anche puntare verso l’alto e l’ignoto. Interessanti anche le due bonus track, dove si aggiungono anche voci femminili, in bella evidenza in “Pymander”, forse la traccia che preferisco in questa raccolta.

Purtroppo quando si pensa alla dark ambient vengono in mente sempre i soliti (giustamente) blasonati nomi e si tende a snobbare o a lasciare in disparte le produzioni italiane o “minori”. Speriamo quindi che questa ristampa porti la dovuta attenzione a Ouroboros perché è un nome da tenere d’occhio.

Condividi:

Lascia un commento

*