Esben & The Witch: Violet Cries

0
Condividi:

A dispetto di chi guarda solo al passato e si ostina ad ignorare le novità, gruppi interessanti continuano (fortunatamente) a spuntarne, che poi le loro radici siano più o meno saldamente ancorate nel passato che io per primo amo e col quale sono cresciuto (mi sto ovviamente riferendo a tutto il caleidoscopio dark-wave, post-punk, ecc…) è un fatto che può solo farmi piacere. E’ oggi il momento di parlare di Esben & The Witch, trio di Brighton che esordisce con l’interessantissimo Violet Cries; le coordinate di riferimento del loro sound sono Siouxsie e/o Zola Jesus (sopratutto per l’aspetto vocale, con Rachel Davies pronta a candidarsi al ruolo di nuova dark-queen), Cocteau Twins e Portishead. Prendete questi (ottimi) ingredienti, aggiungete una dose di originalità e personalità che va comunque riconosciuta al trio inglese, mescolate il tutto ed otterrete le dieci tracce di questo album; un disco oscuro e di non facilissimo approcio, la colonna sonora ideale di un viaggio attraverso una foresta spettrale come quella rappresentata nella copertina dell’album. Echi lontani e voci sussurrate, in costante bilico tra sogno ed incubo, Violet Cries è un rituale tanto oscuro quanto affascinante che trova in “Marching songs” e “Warpath” i suoi eposodi più “immediati”, ma che affascina dall’inizio alla fine. Tre le date italiane di Esben & The Witch in programma a Maggio in Italia: vietato perderli!

Condividi:

Lascia un commento

*