Grooving In Green: Post traumatic stress

0
Condividi:

Due ex Children On Stun (Pete Finnemore e Simon Manning), ancora un monicker che cita il titolo di un brano dei March Violets (fissazione?), un nuovo gruppo che si unisce al plotone dei fautori della (ennesima) rinascenza goth britannica (Adoration, i grandi Eden House). A loro s’unisce anche un ex Solemn Novena (dispersi?), Tron, ed eccoli finalmente pronti ad offrire al famelico uditorio la reiterazione del sound fatto proprio da Vendemmian, This Burning Effigy e compagnia cantante, in un delirio di schitarrate, bassi pulsanti e cantati epicheggianti. Quadro completato dal produttore Steve Carey, dalla partecipazione su “Escape myself” come guest dell’onorevole Tony Petitt, il quale concede il proprio autorevole beneplacito ed infine dal contributo al mastering di quell’Andy Jackson che prestò la propria arte ai Pink Floyd ed ai Fields Of The Nephilim… Forti di due ep in carniere (“Ascent” e “Dirt”), della partecipazione a più edizioni del Whitby Gothic Festival, del DV8 di York e del Lumous Gothic Festival, occasioni nel corso delle quali hanno potuto dividere le assi dei palchi con i loro numi tutelari (March Violets compresi), i tre ci sommergono letteralmente col loro brit-goth muscolare e spigliato, una vera e propria epifania dark che verrà benedetta da tutti i cultori del genere (ed i miei pochi, adorati lettori ben sanno che il vecchio scribacchino non può resistere al richiamo di questi suoni…). Elementi di interesse (ve ne sono, che credete?) si riscontrano in “Some kind of saviour” (episodio che spicca da quelli che lo precedono e lo seguono in virtù di un costrutto che si discosta da quello classico del settore), nella belle melodie vocali e nella corposità dei brani, merito questo indubbiamente da ascrivere al producer. Voterei miglior brano del lotto “Escape myself” (ma la presenza di Petitt influenza il mio giudizio), perché davvero compatto e pronto ad assumere l’onere/onore di manifesto del groove goth. Assolutamente tutto già sentito altrove, ma questi si impegnano davvero!

Condividi:

Lascia un commento

*