God Module: Séance

0
Condividi:

Quattro anni dopo il mediocre Let’s Go Dark, ritroviamo i God Module con il nuovo Séance. Se già il mcd The magic in my heart is dead, pubblicato l’anno scorso, aveva dato confortanti segnali di ripresa, il nuovo album conferma un ritrovato stato di forma da parte della band americana.Intendiamoci: i God Module non sono una band fondamentale o particolarmente innovativa all’interno della sterminata galassia “elettro-dark”, ma in passato sono comunque stati in grado di regalarci lavori che (specialmente sui dancefloors) erano in grado di farsi apprezzare e non sono certo peggio di tante altre bands che invece, per motivi che mi sfuggono, godono di maggior considerazione da parte dei media. Il nuovo lavoro, che sin dal titolo e dalla copertina ribadisce l’interesse dei God Module per il mondo dell’occulto (essi stessi hanno coniato l’espressione “spooky-music” per i loro dischi), vede la band americana riproporci il suo stile collaudato, caratterizzato da ritmi pompatissimi e brani ad alto tasso di BPM, puntando ancora una volta sul connubio vocale tra i coniugi Bangert (il contrasto tra le vocals distorte di Jasyn e le linee melodiche affidate a Courtney), particolarmente efficace in pezzi come “Devil’s night” ed “Into the outside”. Da rilevare l’ingresso in formazione del “prezzemolino” Clint Carney (System Syn ed Imperative Reaction), vecchia volpe della scena “elettro-industrial” americana che certamente ha dato il suo contributo alla buona riuscita del disco (sua la voce in due brani dell’album, “Extinct” e “Remember”). Le dodici tracce di Séance, scorrono in maniera piacevole, trovando in “Plastic”, “Doppelganger”, e “Rituals” (oltre ai pezzi già citati) alcuni dei suoi migliori episodi. Niente di epocale come detto, ma comunque un discreto disco in grado di compiacere vecchi e nuovi fans di God Module. Da sottolineare che la versione europea del disco (edita da Out of Line) include l’ EP Rituals che contiene sette tracce, tra cui ben cinque remix della title-track.

Condividi:

Lascia un commento

*