Crystal Viper: Crimen excepta

224
2
Condividi:

Curioso che, dopo essermi sorbito lo sciapo “Bye bye lullaby” dei The Murder of my Sweet, in sorte (Diaboli…) mi sia capitato fra le mani Crimen excepta dei colleghi di label Crystal Viper. Il loro metal occulto e luciferino attirerebbe senza dubbio le morbose attenzioni dell’Inquisitore Generale Hopkins, se fossimo in epoca di caccia alle streghe (ma questa non finisce mai, mutano solo i nomi ed i contesti…), il quale li spedirebbe tosto in cima ad una bella catasta di legna pronta ad essere accesa. Il sound esibito dai polacchi (di Katowice, Crimen excepta è il loro quarto full-lenght, ed i miei informatori dall’aldilà mi dicono sia il migliore) è magmatico ed obscuro, fedele alla NWOBHM più cupa riletta magistralmente nell’ottica dei Mercyful Fate. In questo calderone fumante ribollono adunque porzioni maestose alternate a sulfuree accelerazioni, fra intro sinistre che si tramutano tosto in cavalcate solenni fendenti nembi caliginosi levantisi da pire sacrificali, declamate dalla voce da invasata di Marta Gabriel (capace di fronteggiare i grugniti maschili eruttati dal guest Piotr Pawel “Peter” Wiwczarek nella sulfurea “Tyrani Pekiel”, omaggio ai connazionali Vader dei quali il nostro è vocalist). Crimen excepta rigetta modernismi e variazioni al tema imposto dalla tradizione di un genere che storicamente non accetta compromessi alcuni, e che per questo si guadagnerà i favori esclusivi del manipolo ristretto di praticanti (“Ghosts of Sherwood”, dalla colonna sonora dell’horror tedesco/americano “Robin Hood: ghosts of Sherwood” di Oliver Krekel, è manifesto esplicito dell’epic più maestoso e grondante sangue). Merita comunque una citazione su queste pagine per la sua componente indubbiamente dark.

Per informazioni: www.afm-records.de
Web: http://www.crystalviper.com
Condividi:

2 comments

  1. andrea 24 giugno, 2012 at 15:38

    che sorpresa trovare i crystal viper qui su versacrum! 😀
    non è però un po’ fuorviante l’uso del termine “dark” in questo contesto, quando possiamo dire “oscuro”, in italiano, per rendere quello che credo hadrianus voleva rendere? c’è già talmente tanta (issimissima) gente che parla di dark/goth a sproposito solo per riferirsi alle atmosfere di un dato disco o gruppo senza considerare che sta chiamando in causa termini che identificano generi musicali ben distinti dal metal – ne ho sentite di bojate negli anni!

  2. Hadrianus 25 giugno, 2012 at 19:25

    Ringrazio Andrea per il commento, effettivamente ho utilizzato il termine “dark” solo come traduzione di oscuro. Pe rnon ripetermi, considerato che utilizzo tali verbi n-volte… Crystal Viper meritano una citazione proprio per le loro ambientazioni cupe, sinistre, anche se non strettamente “dark” (inteso come “genere”). Grazie ancora.

Lascia un commento

*