Alien Vampires: Clubbers Die Younger

0
Condividi:

Gli Alien Vampires, progetto fondato dall’ex chitarrista degli Aborym Nysrok Infernalien Sathanas, hanno rilasciato quest’anno un nuovo EP che non si discosta dallo stile che li ha caratterizzati fin dall’inizio: un misto di EBM, Industrial e techno, a volte perfetto per ballare, a volte francamente monotono, con ritmi forti e martellanti che non lasciano requie. I brani inediti di fatto sono quattro, perché per il resto si tratta di remix a cura di  Amduscia, C-Lekktor, Chainreactor e Waste, in ogni caso di interesse limitato. La title track è un esempio calzante del mood più danzereccio: stiamo parlando ovviamente di locali oscuri e fumosi dove i suoni harsh EBM ed electro sono di casa. “Harsh And Rotten” riserva ancora molte vibrazioni a causa del drumming martellante ed il ritmo pulsante: l’aggiunta del canto gutturale e distorto crea un effetto davvero diabolico. “Acid Orgy” è probabilmente la traccia migliore anche sul piano strumentale mentre è presente la voce di Sonya Scarlet dei Theatres Des Vampires. La conclusiva “Dark Skies” ripropone suoni danzabili già risentiti. Ad onor del vero, non si può negare che dopo il primo quarto d’ora la monotonia avanzi a grandi passi ma, tra copertine provocatorie e testi duri o violenti, i fan del genere troveranno la loro soddisfazione, in attesa che esca il nuovo full-length della band, di cui questo EP è di fatto l’anticipazione.

Condividi:

Lascia un commento

*