Der Feuerkreiner: Der Feuerkreiner

0
Condividi:

Riemerge dalle nebbie di tempi oscuri, grazie all’etichetta SPQR, un gioello grezzo ma ancora splendente di martial-industrial e neo-folk ovvero l’esordio dei marchigiani Der Feuerkreiner, mitico gruppo di Recanati composto da Federico Flamini (musica e voce) e da Valentina Castellani (voce). Federico Flamini ha un background che lo ha visto partecipe in progetti di death-metal sinfonico (i Lumen Moritur prodotti da Paul Chain) e sperimentazioni elettroniche (Commotus Ingenio) mentre Valentica Castellani proviene da studi classici di canto polifonico. Der Feuerkreiner, pubblicato orginariamente nel 2002 dalla Misty Circles e dalla Runes And Men, si presenta, in questa ristampa, in una versione rimasterizzata e in un lussuoso digipack; le tracce sono 10 (di cui due sono bonus track). La musica proposta è un cupo martial-industrial nella vena dei primi Der Blutharsch – quelli di album come The Track of the Hunted . Tracce come la sinfonica e etnica “Die Weste”, l’oscura “Sophie”, la marziale “Spiel” e “Oder Schrei”, dove un campionamento folk di violino viene dissolto da loop di rumorismo e sirene belliche, ben rappresentano  l’urgenza espressiva tragica e decadente di questo stile. In “Die Westkusten” e “Der Lattenzaun” emergono  atmosfere neoclassiche più pacate e tranquille non lontane da gruppi come i Camerata Mediolanense in cui si mette in evidenza la voce di Valentina Castellani.  “Der Wurfel” e “Nein!” sono invece due tracce tirate di electro-industrial che rappresentano un’altra sfaccettatura stilistica dei Der Feuerkreiner. Infine le due bonus track: “Novembertag” – tratta dalla compilation Songs from the bunker – è malinconica e marziale mentre “Moderne Landschaft” – dalla compilation Neo-Form II – è un’altra traccia di electro-industrial. Ho trovato la scelta di usare la lingua tedesca  particolarmente felice e funzionale alle sonorità espressioniste e oscure del gruppo marchigiano. Si tratta indubbiamente di una ristampa di grande valore che consiglio caldamente agli amanti del genere.

Condividi:

Lascia un commento

*