Underfloor: Quattro

0
Condividi:

L’avevano annunziato, Quattro avrebbe segnato una svolta nel percorso artistico degli Underfloor, ed il risultato è evidente, a partire dall’incalzante “Come un gioco” e proseguendo poi con la sognante e delicatamente psichedelica “Don’t mind”. E’ la voce (interprete di testi piacevoli ed assai musicali) a guadagnare spazio e consensi (la maturità acquisita da “Sul fondo”), sostenuta da una sezione ritmica di prim’ordine e dalla chitarra che fornisce un indispensabile apporto di vitamine ad un costrutto sonoro impeccabile per ambientazioni e spontaneità (“Linee di confine”), e che sa operar di cesello quando la canzone lo richiede. Meraviglia che la viola, suonata dalla brava Giulia Nuti, in formazione da “Solitari blu” del 2011, s’insinui coi suoi interventi così spontaneamente sottopelle d’ogni singola traccia, donando colore e spirito novelli a queste composizioni, ormai ascrivibili parzialmente ad un filone prog cha appare quanto mai vitale (le strumentali “Solaris” e “L’uomo dei palloni”). Termine che intendiamo nella sua accezione più autorevole, ossia sperimentazione e voglia d’osare, non esausta parata di bravura tecnica che ci vuole, certo, ma mai deve prevaricare. Quel tanto che ci vuole per rendere un disco così intrigante, e magari per ampliare lo spettro dei fruitori, perché anche nel nostro Bel Paese da anni operano realtà che dimostrano intelligenza e capacità di stupire. Attivi da un decennio, i fiorentini meritano un plauso per la qualità delle loro proposte che mai è venuta meno (certificata da “Intorno a me”) e per una coerenza che, se è pur troppo vero che raramente paga, almeno consente loro di affrontare a testa alta le prove che li attendono. Il quarto disco è quello delle conferme, ma anche delle ripartenze, possibili solo se si è fatto scorta di esperienza, nel caso degli Underfloor lo slancio e l’entusiasmo li porteranno lontani. Curata, come loro consuetudine, la grafica del booklet e di rilievo la nitida produzione.

Per informazioni: http://www.facebook.com/underfloor
Web: http://www.underfloor.it
Condividi:

Lascia un commento

*