Ashes To Ashes: Borderline

181
0
Condividi:

I giuovini Ashes To Ashes (eccellente il monicker che si sono scelti) sono operativi da appena tre anni, eppure Borderline è opera matura, qualitativamente omogenea, costituita da una serie di canzoni eccellenti, ottimamente composte e, sopra tutto, performate. Alla riuscita del disco contribuisce in buona misura la vocalist Marta Vassallo, la quale si esibisce con soprendente agio sia su registri melodici che in growls in grado di sconvolgere anche il più scafato fruitore del metallo moderno, nella definizione dello stile peculiare del combo ben coadiuvata dalla coppia di chitarristi formata da Paolo Schiavi e da Enrico Cabona e dalla sezione ritmica fornita dal bassista Stefano Anentodio e dallo skin-beater Paolo Di Lorenzo (co-fondatore assieme a Marta ed all’altro Paolo degli AtA). Borderline si giuova di standard produttivi di livello internazionale (è stato registrato a New York presso Westfall Recording Company), che evidenziano ogni minima sfumatura di episodi accattivanti quali “Ballad of the wolf” e di altri ben più grintosi (come “Sleep”), ma è nelle situazioni più meditate che i genovesi espongono gli articoli migliori del loro bagaglio: un brano come “Paradox of perfection” bilancia armonia ed urgenza espressiva, scorrendo con gran naturalezza nel corso dei suoi quattro minuti abbondanti. Saper coniugare l’irruenza (ch’è della giuovine età caratteristica connaturale) con una inclinazione implicita alla delicatezza (lo splendido quadretto agreste di “Home” è paradigmatico di uno stile acquisito che non teme confronti con le situazioni tra loro più distanti in quanto ad approccio) non è da tutti, avendo alle spalle solo tre dozzine di mesi non riesco ad immaginare ove gli AtA potrebbero giunti. Meritano sostegno incondizionato, se mi soffermo solo per un istante su tante porcherie che ci vengono imposte dai maestri americani e/o inglesi, m’arrabbio davvero! Cercate il video di “Alice’s song”, assimilate quelle chitarre, seguite il percorso impervio disegnato da basso e da batteria e, sopra tutto, lasciatevi ammansire dall’ugola dorata di Marta. Sopresa dell’anno!

Per informazioni: http://www.wormholedeath.com
Web: http://www.ashestoashesband.com
Condividi:

Lascia un commento

*