Hypnos: Rivista di letteratura weird e fantastica. Numero 2

0
Condividi:

Esce il secondo numero della “rivista di letteratura weird e fantastica” Hypnos. Ricordo come Hypnos in precedenza fosse una fanzine di cui sono usciti 9 numeri – ormai purtroppo esauriti -che avevano presentato autori interessantissimi come Jean Ray, Thomas Owen, Thomas Ligotti, Robert Aickman, Walter de la Mare, Hanns Heinz Ewers e molti altri. La redazione è formata da tre esperti del fantastico in Italia come Andrea Vaccaro, Andrea Bonazzi e Danilo Arrigoni. I contenuti di questo fascicolo sono oltremodo stimolanti: lo scrittore britannico William Hope Hodgson è infatti uno dei pezzi forti presenti in copertina assieme a John Buchan, Tom Reamy e Laird Barronn. Hodgson è indubbiamente uno dei giganti del fantastico, autore di romanzi capolavoro come La casa sull’abisso e La terra dell’eterna notte (purtroppo quest’ultimo irreperibile in quanto la vecchia edizione Fanucci è fuori catalogo da un pezzo), la sua opera più ambiziosa in cui la sua straripante immaginazione lascia il segno: è indimenticabile l’immagine desolata della fortezza dove, in un futuro remotissimo, si annidano gli ultimi esseri umani, in un cosmo freddo e ostile in cui il sole si è estinto (la tematica sarà presente anche nel ciclo Zothique di Clark Ashton Smith). A partire dal 2014 Hypnos pubblicherà, nella collana Biblioteca dell’Immaginario, tutti i racconti di ambientazione marinara di Hodgson in due volumi. Nel frattempo si possono gustare in questo fascicolo due sue storie ovvero Rotta verso casa (Homeward Bound), presentato in una nuova traduzione basata sul testo voluto dall’autore – evocativa storia in cui il terrore proviene appunto dal mare, simbolo delle paure dell’inconscio – e la breve ghost story La promessa. Giuseppe Lippi, con la consueta competenza e passione, ha scritto per l’occasione una lunga retrospettiva mettendo in rilievo l’importanza del vecchio scrittore per l’evoluzione del fantastico moderno. Lippi è anche l’autore di un articolo su James Hadley Chase, autore noto nel campo dei gialli ma in  realtà non privo di spunti interessanti in ambito horror. Anche gli altri scrittori citati in precedenza sono in ogni caso di tutto rispetto. John Buchan – di cui parla Giuseppe Lo Biondo -era stimato da H.P.Lovecraft e in effetti il suo racconto Il vento nel portico è davvero potente e inquietante nel raffigurare antichi culti pagani che ancora sopravvivono nella nostra civiltà. Laird Barronn – vincitore di un premio prestigioso come il Shirley Jackson Award nel 2007 e nel 2009 – è invece un maestro del “weird tale” contemporaneo come si può leggere nell’Intimidatore, sorprendente esempio di contaminazione fra generi diversi come il western e l’horror cosmico. Infine Tom Reamy – scomparso purtroppo a 42 anni e qui presentato con due racconti– si dimostra un nome di assoluto talento. In particolare Accadde a Hollywood mischia con classe tematiche che riguardano il sesso e creauture aliene. Sempre afferente il sesso – visto in modo particolare – è anche il racconto di Ivo Torello intitolato Con le dita e con la lingua. Completano questo succoso numero un omaggio a fumetti all’universo di Richard Matheson a cura del sempre valido Gino Andrea Carosini e la rubrica Weird New World di Andrea Bonazzi che ci illustra tutte le novità editoriali in lingua inglese del settore. Hypnos si conferma una pubblicazione imperdibile per tutti gli appassionati del fantastico.

La rivista si può acquistare direttamente nel negozio online di Hypnos (http://www.edizionihypnos.com/hypnos_8.html) o presso il Delostore (http://www.delosstore.it/librinuovi/45088/hypnos-rivista-di-letteratura-weird-e-fantastica-vol-2/) o su ibs (http://www.ibs.it/code/9788896952122/hypnos-rivista-di-letteratura.html).

Hypnos. Rivista di letteratura Weird e fantastica, numero 2

Edizioni Hypnosn, Autunno 2013, € 9,90

Brossura, 130 pagine

Condividi:

Lascia un commento

*