Six Comm/Schrage Musik: Fleischmaschine

0
Condividi:

Il mitico Patrick Leagas, uno degli storici membri fondatori dei Death In June nonchè leader dei grandi Sixth Comm pubblica Fleischmaschine, primo e  atteso album del suo progetto Schrage Musik dedicato all’immaginario della Seconda Guerra Mondiale. Non è certo una sorpresa l’interesse per queste tematiche da parte di Patrick Leagas considerando l’interesse che questo argomento ha sempre avuto all’interno della Morte in Giugno. Anche la grafica della copertina di Fleischmaschine non lascia dubbi circa le atmosfere cupe e decadenti che caratterizzano il disco. L’iniziale “Europa Gefallen” è esemplificativa, nel suo impetuoso incedere marziale scandito dai tamburi, dalla tromba e dalla voce minacciosa di Patrick Leagas, dell’etica e dell’estetica “guerresca” di questo lavoro. La successiva title-track si muove su territori più neoclassici anche se si mantiene su tonalità fosche. “Cassino Lost” è quantomai lugubre e depressiva e sarebbe perfetta come colonna sonora di un film o di un documentario sul secondo conflitto mondiale. La pacata e tetra “Sow The Wind” e la sinfonica “Reap The Whirlwind” si inseriscono perfettamente nel mood decadente di “Fleischemaschine”. “Gran Sasso Affair” è invece una triste ballata che riesce a stemperare la tensione. Ma i ritmi marziali di “Eternity Battle Mix” e “Asylum 39-45” ci riportano subito in tempi e luoghi cruciali per l’Europa. “Tommy Atkins Sweet 16” è una traccia per voce e armonica mentre in “We’re Here Because We’re Here” ascoltiamo cori di soldati inframmezzati da rumori di aerei. Chiude la ripresa di un vecchio classico del repertorio dei primi Death In June come “State Laughter 39-45” (uno dei primi singoli poi su The Guilty Have No Pride) che non mancherà di fare venire qualche brivido ai fan del gruppo. Fleischmaschine si rivela in definitiva un ottimo album che si inserisce nel filone del martial-industrial ricordando in alcuni momenti i primi Der Blutharsch. Una prova di ottimo livello che conferma il talento di Patrick Leagas. Oltre alla versione digipack è disponibile anche un’edizione limitata con toppa e spilla in metallo.

Condividi:

Lascia un commento

*